Dall’analisi dei dati Pharma Data Factory aumenta l’acquisto (e quindi l’uso) di antibiotici e cortisonici nei bambini: nei primi quattro mesi del 2024 vendute 9,8 milioni di confezioni, e il fatturato del mercato dei più piccoli, sempre nel quadrimestre, supera i 95 milioni di euro. 

Una ricerca sottolinea i collegamenti tra alimentazione e possibile sviluppo dei tumori: studiosi di Singapore e Gran Bretagna puntano l’indice sul glucosio, osservando come l’eccesso di questa molecola nel sangue sia in grado di inibire il gene protettivo BRCA2, e quindi di aumentare il rischio oncologico.

Uno studio pubblicato dal British Medical Journal mette in guardia sui rischi degli integratori di Omega-3 a base di olio di pesce: fanno bene a chi ha patologie cardiovascolari, decisamente meno a chi è sano, con un'importante aumento di aritmie cardiache (soprattutto) e ictus.

Una ricerca dell’Università svedese di Lund pubblicata su EClinical Medicine mette sotto accusa gli inchiostri utilizzati per i tatuaggi che – indipendentemente dalle dimensioni del disegno – potrebbero scatenare tumori al sistema o al tessuto linfatico

Una ricerca dell’Università dell’Australia Occidentale, che ha preso in considerazione 11 studi scientifici e 24.000 persone, dimostra che per gli uomini perdere testosterone invecchiando aumenta la mortalità.

Presentato a Roma lo studio finanziato dal Ministero della Salute e condotto dall'Istituto Mario Negri in collaborazione con AISLA che ha rivelato i bisogni, le priorità e la soddisfazione dei pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) e dei loro caregiver. È la prima indagine di questo tipo.