L’immunità innata, la prima linea di difesa del nostro organismo, ha un ruolo chiave nella resistenza ai patogeni, risolve infatti il 90% dei problemi causati dal contatto con batteri e virus e si accompagna all’immunità adattiva, la nostra linea di difesa più specifica, che può essere stimolata e dunque potenziata con i vaccini. Oggi tuttavia, si parte da una prospettiva nuova: sempre più dati ci dicono che anche il sistema immunitario innato può essere allenato. Una scoperta ancora più importante in epoca di convivenza con SARS-CoV-2.

Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e professore emerito di Humanitas University, descrive così il fenomeno insieme al collega olandese Mihai Netea nell’articolo Trained Innate Immunity, Epigenetics and Covid-19 uscito sul New England Journal of Medicine: “Vaccinarsi può aumentare il tono di base dell’immunità innata, come in un allenamento, e innescare la resistenza antimicrobica definita ‘agnostica’. Tale addestramento è direttamente collegato alla resistenza alle malattie infettive, come probabilmente accade anche per Covid-19. In questo processo giocano un ruolo chiave le cellule mieloidi, in particolare i macrofagi, attori centrali dell’immunità innata che, con la loro diversità e plasticità, contribuiscono all’attivazione, all’orientamento e alla regolazione delle risposte immunitarie adattive”.

Vaccinazioni e uno stile di vita sano per potenziare il sistema immunitario

Per allenare il sistema immunitario al momento esistono due strade: sottoporsi alle vaccinazioni raccomandate, compresa quella antinfluenzale stagionale, e condurre uno stile di vita sano, che può essere sintetizzato nella formula 0-5-30 (zero sigarette, cinque porzioni di frutta e verdura fresche, trenta minuti di esercizio fisico moderato) da applicare ogni giorno. L’obesità, infatti, contribuisce a disorientare il sistema immunitario ed è un fattore di rischio per Covid-19.
Per quanto riguarda i vaccini, allena ad esempio l’immunità innata il vaccino contro il morbillo, che protegge non solo contro il virus specifico, ma anche più in generale contro le infezioni respiratorie

“Questo meccanismo di allenamento potrebbe contribuire a spiegare il fatto che i bambini siano meno colpiti da Covid-19, dal momento che la maggior parte di loro è sottoposta a diverse vaccinazioni nei primi anni di vita. Sperimentazioni in corso utilizzano, ad esempio, il vaccino contro BCG (Tubercolosi) per alzare la soglia di allenamento del sistema immunitario”, prosegue il professor Mantovani. 

“Evidenze epidemiologiche, uscite su altri studi, suggeriscono che questo vaccino possa aumentare la resistenza a Covid-19, ma ciò andrà provato in studi prospettici controllati. È anche ancora dubbio che il vaccino antinfluenzale sia associato a un effetto analogo, ma ciò non toglie che sia fortemente indicato e innalzare il livello delle nostre difese di prima linea costituisce una strada promettente da esplorare e approfondire”. 

Covid-19: risposta immunitaria e fattori genetici

Negli ultimi mesi, i ricercatori di Humanitas si sono occupati a più livelli della risposta immunitaria a SARS-CoV-2. È ormai accertato, ad esempio, che la suscettibilità a Covid-19 dipende da vari fattori, in parte anche genetici. Di questo aspetto si è occupato lo studio pilota GWAS (Genome-Wide Association Study), pubblicato sul New England Journal of Medicine nel giugno 2020, a cui hanno contribuito, per l’Italia, Humanitas University-IRCCS Humanitas insieme a Università Bicocca-Ospedale San Gerardo di Monza e Policlinico di Milano. 

Lo studio è stato condotto sui campioni di 1.980 pazienti, italiani e spagnoli, affetti da Covid-19 con insufficienza respiratoria e sulle analisi di oltre 8,5 milioni di polimorfismi genetici ed è risultato che un ‘locus genico’, ossia una particolare posizione di un gene, che costituisce un fattore di rischio per forme gravi di Covid-19 è localizzato sul cromosoma 3, in una regione in cui è presente un geneSLC6A20, che interagisce con la proteina ACE2, ovvero la ‘serratura’ presente nelle cellule che il virus SARS-CoV-2 apre con la ‘chiave’ della sua proteina Spike. Nella stessa regione sono presenti anche alcuni geni per recettori di chemochine che potrebbero avere un ruolo nel mediare la risposta infiammatoria che influenza l’evoluzione della malattia Covid-19.

Come sottolineano i coautori Stefano Duga e Rosanna Asselta, ricercatori in Humanitas e docenti di Humanitas University: “Lo studio ha permesso di identificare in modo chiaro i primi ‘loci’, ossia le sedi di suscettibilità genetica in cui risiedono le varianti che aumentano il rischio di sviluppare l’insufficienza respiratoria in Covid-19: una complicanza che si presenta in circa il 10% dei malati. Queste informazioni potranno costituire un campanello di allarme per identificare i pazienti più a rischio, prima che intervengano i sintomi respiratori. Si tratta di un passo importante in un’ottica di Medicina personalizzata anche nel trattamento di Covid-19. Inoltre, i risultati dello studio potrebbero aiutare a identificare ulteriori target terapeutici contro il virus, ovvero nuovi bersagli per farmaci già in uso per altre patologie, in attesa del vaccino”.

Fonte: humanitas.it

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy