Il 12 e 13 ottobre le aziende dei dispositivi medici saranno protagoniste di una due giorni di sport e solidarietà 'oltre le barriere' organizzata da Dynamo Academy. Saranno infatti amministratori delegati, top manager e lavoratori delle imprese dei dispositivi medici, insieme agli atleti della Fispes (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali), i protagonisti della seconda edizione della Medical Device Challenge, in programma nell'Oasi naturalistica Dynamo di Limestre (Pt).

La due giorni di sport e solidarietà, voluta da Confindustria Dispositivi Medici per sostenere Dynamo Camp, si arricchisce quest'anno della partecipazione di alcuni atleti paralimpici e offrirà la possibilità agli oltre 150 dipendenti e manager delle aziende di confrontarsi con il mondo della disabilità e dello sport in modo diretto. La Challenge è organizzata da Dynamo Academy - impresa sociale che supporta le aziende a coniugare in modo strategico attività economica e azione filantropica - che ha coinvolto Fispes. I partecipanti sfideranno i propri limiti mettendosi nei panni degli sportivi disabili che con la loro determinazione e l'ausilio della tecnologia lavorano sulle abilità residue. Saranno quattro le sfide sportive in cui ci si metterà alla prova con gli atleti.

"Con la seconda edizione di questa iniziativa - ha dichiarato Massimiliano Boggetti, presidente di Confindustria Dispositivi Medici - vogliamo rinnovare il nostro sostegno al Camp di Terapia Ricreativa Dynamo, unico in Italia, che offre programmi gratuiti a bambini e ragazzi con patologie gravi e croniche, attraverso l'impegno delle aziende associate. Ma vogliamo fare anche di più: promuovere una società più inclusiva ed equa, dove trova spazio la cultura della diversità e della sfida per la vita, avviando un percorso di cambiamento, a partire dalle nostre aziende. L'esperienza con gli atleti paralimpici sono certo porterà alle aziende e alle persone che lavorano nel settore una maggiore consapevolezza e contribuirà nel contempo a quel cambiamento culturale indispensabile per costruire ponti nella diversità e creare opportunità oltre le barriere". 

Fonte: Ansa Salute

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy