“La discussione sui banchi e la responsabilità giuridica dei presidi sta facendo passare in secondo piano il vero nodo alla base di una riapertura in sicurezza delle scuole. Il vero punto da affrontare è come garantire una qualità dell’aria ottimale in aula sia dal punto di vista chimico-fisico che microbiologico (assenza di virus). E questo obiettivo – spiega il prof. Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) – può essere raggiunto già con completi ricambi d’aria ad ogni cambio d’ora ma anche investendo in tecnologie per la ventilazione meccanica controllata (VMC) con filtrazione aria in entrata e con la purificazione dell’aria indoor, grazie a dispositivi in grado di eliminare virus e particelle fino a 0,1 micron”.

“È quindi strategicamente sbagliato”, spiega Miani, “investire le limitate risorse disponibili solo per l’acquisto di banchi monoposto al fine di garantire una distanza di un metro che è molto inferiore ai due metri raccomandati dall’OMS o ai 4 metri indicati come plausibili in studi pubblicatii da SIMA e da altri ricercatori di tutto il mondo”.

Dal canto suo, l’epidemiologo Prisco Piscitelli, vicepresidente SIMA, chiarisce che “nessun distanziamento tra banchi può impedire la potenziale concentrazione all’interno dell’aula di sostanze emesse direttamente dalla respirazione. Come recentemente evidenziato in una pubblicazione SIMA – UNESCO, per fornire raccomandazioni sulla qualità dell’aria indoor a scuola in tempi di Covid, se consideriamo la CO2 come indicatore delle esalazioni respiratorie, ogni bambino fino a 10 anni emette da seduto circa 14 litri di CO2 all’ora contro i 27 litri dei teenager (fino a raggiungere gli 85 litri di CO2 in palestra durante attività sportiva). Va da sé che l’aria viziata in classe rappresenta un problema ben noto che acquisisce nuova criticità nel caso ci fossero uno o più alunni portatori del virus in una classe senza ricambi d’aria adeguati, con buona pace del metro di distanza tra i banchi monoposto”.

La SIMA lancia il suo appello al Comitato Tecnico Scientifico governativo chiamato a prendere le decisioni finali sulla scuola entro fine agosto, perché il problema della qualità dell’aria (IAQ) in aula sia al centro dei documenti di valutazione dei rischi in corso di predisposizione da parte dei singoli istituti scolastici con l’individuazione di un referente scolastico per la IAQ come avviene in altri Paesi.

“Oltre all’utilità dei sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) e purificazione d’aria, va organizzato un percorso di assistenza a quelle famiglie con anziani in casa che non possono garantire un isolamento domiciliare di eventuali alunni risultati positivi al tampone senza gravi rischi per la salute degli adulti. Non si può ancora una volta scaricare le criticità sui nuclei familiari lasciandoli senza assistenza. A tal fine il modello delle cosiddette Maison Relais del mondo francofono potrebbe essere utile a definire strutture di accoglienza temporanea di taglio professionale e al tempo stesso familiare”, conclude il prof. Miani.

Fonte: Askanews

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy