Condividi sui social

Secondo uno studio pubblicato sul Jama Internal Medicine, dormire di più potrebbe aiutare a mangiare meno e quindi a contrastare l'obesità. E' cosa infatti come la riduzione di sonno vada a incidere sulla regolazione dell'appetito inducendo l'individuo ad aumentare l'assunzione di cibo. Questo studio clinico randomizzato ha coinvolto 80 adulti in sovrappeso che dormivano circa 6,5 ore per notte. I partecipanti allo studio, di età compresa fra 21 e 40 anni, avevano un indice di massa corporea comrpeso fra 25 e 29.9. 

Lo studio ha messo in evidenza come un'adeguata durata del sonno può ridurre l'apporto calorico giornaliero e diventare uno strumento importante nei piani di perdita di peso e prevenzione dell'obesità. I partecipanti allo studio sono stati invitati a incrementare le ore di sonno per notte passando da 6 ore e mezza a 8 ore e mezza. Tale incremento ha portato una riduzione dell'importo calorico giornaliero pari a 270 Kcal al giorno. Questa riduzione calorica, se portata avanti nel tempo, può tradursi in una perdita di peso pari a 12 Kg in tre anni. Alcuni partecipanti sono arrivati ad assumere fino a 500 Kcal in meno al giorno.

Ai soggetti coinvolti nello studio non è stato chiesto di praticare alcuna attività fisica in più. Sono però stati suggeriti alcuni interventi volti ad aumentare l'intervallo di sonno notturno. Un intervento importante in questo senso è stato quello di limitare l'uso dei dispositivi elettronici prima di coricarsi.  

Lo studio ha messo in evidenza l'importanza di campagne di sensibilizzazione volte a far comprendere l'impatto della durata del sonno sulla qualità di vita dell'individuo anche in un'ottica di perdita di peso. 

Redazione Respiro.news

Scarica la rivista Vai all\\\'articolo

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy