Una moderata attività fisica, come pedalare su una cyclette, consente di ricaricare il cervello dopo una giornata di lavoro. Questo esercizio però deve essere condotto spegnendo le attività cognitive.

A dirlo è uno studio giapponese pubblicato sulle pagine della rivista Medicine & Science in Sports and Exercise. La ricerca ha coinvolto 28 uomini che sono stati invitati a svolgere compiti che richiedono la memoria lavorativa ovvero quella che ci permette di ricordare e aggiornare le informazioni sui diversi progetti su cui stiamo lavorando.

I soggetti coinvolti nello studio hanno fatto ricorso alla loro memoria lavorativa prima, immediatamente dopo e 30 minuti dopo tre test eseguiti in tre giornate diverse.

I test avevano durata di 25 minuti l’uno e venivano assegnati ai partecipanti in maniera del tutto casuale. Nel primo test gli uomini pedalavano su una syclette, nel secondo hanno dovuto svolgere un compito di itpo cognitivo stando seduti su una cyclette ma senza pedalare, nel terzo dovevano pedalare e, nel contempo, svolgere un’attività cognitiva.

Risultato? Gli effetti positivi dell’esercizio in cui era richiesto solo di pedalare si sono visti 30 minuti dopo, mentre quello misto, fisico e cognitivo, ha fatto registrare un affaticamento cognitivo.

“Sappiamo da tempo che l’esercizio fisico migliora la memoria di lavoro – dice John Ratey, clinico associato di psichiatria alla Harvard Medical School di Boston – L’aspetto nuovo di questo lavoro è l’aver evidenziato che troppo esercizio può stancare il cervello per un po’”. Per migliorare la memoria e l’attenzione a breve termine al lavoro o a scuola è meglio limitarsi all’esercizio fisico senza aggiungere sforzi cognitivi. Tai chi, yoga o intervalli ad alta intensità che fanno salire la frequenza cardiaca sono esempi di esercizi cognitivi impegnativi che possono sopraffare il cervello in un primo momento”.

Fonte: https://www.medscape.com/viewarticle/902033

Redazione Respiro.News

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy