"Tutte le evidenze scientifiche dimostrano che nei disturbi dello spettro autistico un intervento precoce consente prognosi diverse. L'obiettivo è quello di sensibilizzare i pediatri a cogliere i segnali di rischio, non per una precocizzazione della diagnosi ma per una precocizzazione dell'intervento. Un intervento puo' essere fatto precocemente solo se vengono segnalati i possibili rischi". A dirlo e' Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell'Istituto di Ortofonologia (IdO), che domani interverrà' al corso sulla 'Individuazione dei disturbi del neurosviluppo 0-3 anni', realizzato gratuitamente dalla Società' italiana di pediatria (Sip) in collaborazione con l'IdO, la Fondazione Mite, il Sindacato italiano specialisti pediatri (Sispe) e la Societa' italiana di neonatologia Lazio (Sin). A questo link tutte le informazioni:
https://sip.it/2021/01/15/ disturbi-del-neurosviluppo-a- febbraio-parte-il-corso-di-aggiornamento/ .

 Il corso giunge domani alla sua quarta lezione e puntera' l'attenzione sui disturbi dello spettro autistico. In 
particolare, Di Renzo spiegherà' i significati delle stereotipie nei bambini con disturbi dello spettro autistico: "Le stereotipie non sono, come in genere si intende, solo movimenti afinalistici- precisa la psicoterapeuta dell'età' evolutiva- hanno invece un senso nel funzionamento del bambino, perché' servono per scaricare il sovrappiù' di energie che non riescono a incanalare. Dunque- aggiunge Di Renzo-le stereotipie hanno la funzione di far ritrovare al bambino l'equilibrio attraverso la loro ritmicità'. Assolvono in qualche modo a un compito omeostatico- ricorda la studiosa- poiché' il bambino viene sopraffatto dalle emozioni e attraverso quella scarica motoria ritrova l'equilibrio".
 
Obiettivo principe di questo corso e', quindi, promuovere la figura del 'pediatra competente' nel rilevare i campanelli di allarme di possibili disordini neuroevolutivi nei bambini. In loro aiuto l'IdO e la Sip hanno attivato due iniziative gratuite: uno sportello di consulenza a tutti i pediatri ed un ambulatorio dove poter valutare i bambini, sia con ipotesi di autismo che quelli nati pretermine, che i pediatri riterranno opportuno inviare per un approfondimento. "I pediatri sono le prime sentinelle per la salute fisica e psichica del bambino- garantisce Di Renzo- da sempre collaboriamo con loro e continueremo a mantenere aperto il contatto attraverso lo sportello, con la possibilità' di interagire e di arricchire la ricerca dandoci dati quantitativi e qualitativi. Abbiamo, poi, organizzato un ambulatorio specifico per gli invii che ci manderanno, così' da poter valutare le diverse aree di competenza di ogni bambino, attenzionare eventuali deficit ma, soprattutto, le loro potenzialità'", conclude.
Gli ultimi due incontri in programma si svolgeranno mercoledì' 24 febbraio (18-20) e sabato 27 febbraio 9:30 -12:30. Tutti i partecipanti riceveranno gratuitamente gli strumenti utili per gli aspetti operativi, quali software per la compilazione di schede di screening neuroevolutivo, kit con piccoli giochi da studio pediatrico per la rilevazione di competenze presenti nel bambino, articoli, libri. È possibile rivolgere delle domande ai relatori, anche durante i corsi, attraverso la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

La consulenza/assistenza post corso (garantita tramite la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) e' promossa per rispondere agli eventuali dubbi dei partecipanti 
riguardanti le loro attività'' cliniche. Visto l'alto numero dei  partecipanti (al momento 2.000 iscritti), le iscrizioni alla piattaforma online sono state chiuse, ma e' comunque possibile seguire il corso sul canale YouTube della Sip raggiungibile a questo link:
https://www.youtube.com/ channel/ UCOyN4lUmFTv2QlmeaETMoEA.
   
Al fine di ottenere l'accreditamento dei 18 crediti formativi previsti, coloro che non sono riusciti ad iscriversi al corso tramite la piattaforma Biomedia sono invitati ad inviare una e-mail contenente i propri dati (nome, cognome, email, indirizzo) al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
16 febbraio 2021

®Riproduzione riservata

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie per analisi statistiche e contenuti personalizzati. Privacy policy